Piastra in ghiaino misto rosso cm 50x50

Piastra in ghiaino misto rosso cm 50x50

Piastra in ghiaino misto rosso cm 50x50

Piastra in ghiaino misto rosso cm 50x50
Non è in vendita online

Descrizione

Per far esaltare le loro naturali qualità estetiche, i Lavati vengono realizzati con impasti di cemento e sabbie naturali, ghiaino di fiume, graniglie o ciottoli di marmo.

Dati tecnici:

50 x 50 x 3,7 cm

peso lastra (kg): 20,8

Scheda Tecnica

INFORMAZIONI TECNICHE
Le lastre si prestano perfettamente alla posa su terrazze, giardini, parchi, bordi piscina, gazebi, porticati e per il rivestimento di qualsiasi superficie. Lo spessore è un elemento importante e va considerato prima dell’inizio dei lavori al fine di raggiungere le quote desiderate. Nelle nostre lastre lo spessore varia a seconda della tipologia da circa cm 3,6 a cm
4,2 come da illustrazione (dis. 1).
A seconda delle esigenze, molte lastre sono disponibili anche con un rinforzo interno che consiste in due barrette di ferro poste sulle diagonali del diametro di circa 3 mm per i formati 50x50 40x40 e 60x40 (dis. 2).
Nel formato 100x50 il rinforzo è costituito da 3 barrette da cm 95 e diametro mm 5 poste parallelamente ai lati lunghi della lastra.
Il taglio delle lastre per le normali rifiniture laterali vanno eseguite con una normale sega ad acqua con disco diamantato. Per tutte le lastre è disponibile su richiesta, la specifica dichiarazione di conformità con tutte le caratteristiche tecniche e strutturali
di resistenza per i vari ambienti.

POSA SU SUPPORTI SU MANTO IMPERMEABILE
Per questa modalità di posa sarebbe opportuno che il pavimento fosse perfettamente dritto e con le corrette pendenze per garantire il regolare deflusso delle acque pluviali tramite gli appositi scarichi. Questi dovranno essere posizionati con una
quota idonea ed avere un diametro non inferiore a 10 cm (di luce interna libera) e nella misura di 1 ogni 50 mq di terrazza, soprattutto per ambienti ad uso pubblico.
In ogni caso, con il sistema di pavimentazione galleggiante, le lastre sono poggiate su supporti in polietilene e non direttamente sulla guaina, lasciando così tra lastra e manto impermeabile un’intercapedine che migliora l’isolamento termo acustico e
lascia traspirare eventuali ristagni d’acqua. I vantaggi di questa installazione sono la protezione della guaina isolante dalle intemperie, l’ economicità di eventuali interventi di manutenzione su eventuali impianti installati nel sottofondo, senza ricorrere
a demolizione, la rapidità per eventuali interventi di pulizia del manto.
Questi vantaggi tecnico economici, uniti alla vasta gamma di colori e modelli, hanno reso la lastra un materiale ideale per la copertura di terrazze e tetti pedonali, garantendo longevità ed eleganza alle superfici così pavimentate.
I supporti utilizzabili possono essere sia fissi che regolabili in altezza a secondo delle necessità di quota. I supporti possono essere posati con temperature da 0°C fino a 40°C. Il materiale usato è particolarmente resistente agli sbalzi di temperatura ed
agli agenti atmosferici. I supporti necessari per la posa hanno un rapporto indicativo di uno a uno rispetto ai pezzi delle lastre. Nel formato 50x50 servono 4 pezzi a mq , per il 40x40 servono circa 6,25 pezzi al mq ecc..

Gli spessori o livellatori vengono usati per sopperire alla differenza di livello del piano di posa tipica delle sovrapposizioni delle guaine al fine di ottenere una pavimentazione finita a regola d’arte .
Le lastre possono essere posate facilmente con la pinza sollevatrice regolabile da cm 30 a cm 50 in base alla misura della lastra .


POSA PEDONALE SU SABBIA

La posa deve essere effettuata su un terreno ben spianato e costipato, sopra il quale va steso e compattato uno strato di sabbia di 3-4 centimetri, in maniera che la superficie non presenti possibilità di cedimenti. Questo piano va tarato e compattato
da un progettista in base al traffico che deve sopportare. Si prosegue poi con la posa delle lastre, lasciando a piacimento tra lastra e lastra uno spazio sufficiente alla crescita dell’erba, che conferisce un tocco di vivacità alla pavimentazione.
Questo spazio così lastricato è indicato soprattutto per vialetti all’interno di parchi e giardini.

POSA PEDONALE SU CEMENTO CON MALTA O CON COLLA
Preparare, sopra un terreno ben spianato e costipato, un massetto in calcestruzzo di almeno cm 10 con rete elettrosaldata sul quale verranno in seguito incollate le lastre con malta cementizia o con un impasto semiasciutto di sabbia e cemento o
con colla. Se il massetto è già presente verificarne gli spessori e la portata.
E’ importante in questa fase prevedere in funzione delle dimensioni e della forma geometrica della pavimentazione idonei giunti di dilatazione.

SIGILLATURA DELLE FUGHE
La sigillatura delle fughe deve essere effettuata almeno dopo 24 ore dalla posa. Prima di cominciare, effettuare una pulizia generale della pavimentazione. Utilizzare una normale boiacca oppure altri stucchi per pavimentazioni esterne che
si trovano comunemente in commercio.
Consigliamo di utilizzare stucchi che consentano di avere una buona fluidità per agevolare il riempimento delle fughe.
Le fasi da seguire sono le seguenti:
- Bagnare la pavimentazione per facilitare le successive operazioni di pulizia;
- Procecere con la stuccatura delle fughe a piccole superfici cercando di sporcare il meno possibile le lastre e calcolando i tempi necessari per la pulizia. Utilizzare una spatola in gomma per stendere lo stucco dentro la fuga e raschiando subito via
quello in eccesso. Attendere alcuni minuti in funzione della temperatura e procedere alla pulizia.
- La pulizia va fatta con una spugna idonea che va risciacquata spesso durante la fase di pulizia. Anche l’acqua della bacinella va sostituita con frequenza in modo da pulire bene e non lasciare aloni. Nel passare la spugna raccomandiamo di avere un
movimento a 45 gradi rispetto alle fughe in modo da ottenere un risultato ottimale.
Per grandi superfici si può usare una elettrospugna.


PULIZIA DI FINE CANTIERE
A pavimentazione ultimata effettuare un' accurata pulizia di cantiere e, in caso di residui di cemento, utilizzare appositi detergenti o sfregare il pavimento utilizzando una spazzola manuale.

RACCOMANDIAMO DI PULIRE CON CURA LE SUPERFICI POICHE' IN CASO CONTRARIO IL RISULTATO ESTETICO FINALE POTREBBE RISULTARE IRRIMEDIABILMENTE COMPROMESSO.

TRATTAMENTI (FACOLTATIVI)
Alcune linee di nostri prodotti si distinguono per la “luminosità” dei colori in superficie grazie all' utilizzo del cemento bianco. Questa caratteristica da una luce solare ai
pavimenti che unita alle eleganti sfumature cromatiche risponde con estrema facilità alla richiesta di raffinatezza e confort.
Per mantenere bello e intatto un pavimento con queste caratteristiche suggeriamo il trattamento con dei prodotti idro-oleo repellenti facilmente reperibili in commercio.
Con questi trattamenti le macchie non sono più un problema. Pulendo velocemente con una spugna umida si evita che lo sporco venga assorbito dalla lastra lasciando
il pavimento pulito per alcuni anni.

AVVERTENZE
• Le efflorescenze non costituiscono difetto perché non alterano le caratteristiche tecniche delle lastre.
• E' vietato cospargere sale sui pavimenti esterni o su terrazze per sciogliere neve o ghiaccio poiché è corrosivo e danneggia la struttura delle lastre.
• Si raccomanda di controllare l'integrità del materiale prima di utilizzarlo. Non si risponde di eventuali non conformità a posa avvenuta.
• La ED79 al fine di migliorare costantemente la qualità dei prodotti, si riserva il diritto di variarne in qualsiasi momento, senza alcun preavviso, le caratteristiche estetiche.
• Vista l'origine naturale dei materiali impiegati per la realizzazione delle lastre, possono verificarsi leggere variazioni di tonalità del prodotto rispetto ai campioni illustrati nel presente catalogo e piccole tolleranze negli spessori.